{% set baseFontFamily = "Open Sans" %} /* Add the font family you wish to use. You may need to import it above. */

{% set headerFontFamily = "Open Sans" %} /* This affects only headers on the site. Add the font family you wish to use. You may need to import it above. */

{% set textColor = "#565656" %} /* This sets the universal color of dark text on the site */

{% set pageCenter = "1100px" %} /* This sets the width of the website */

{% set headerType = "fixed" %} /* To make this a fixed header, change the value to "fixed" - otherwise, set it to "static" */

{% set lightGreyColor = "#f7f7f7" %} /* This affects all grey background sections */

{% set baseFontWeight = "normal" %} /* More than likely, you will use one of these values (higher = bolder): 300, 400, 700, 900 */

{% set headerFontWeight = "normal" %} /* For Headers; More than likely, you will use one of these values (higher = bolder): 300, 400, 700, 900 */

{% set buttonRadius = '40px' %} /* "0" for square edges, "10px" for rounded edges, "40px" for pill shape; This will change all buttons */

After you have updated your stylesheet, make sure you turn this module off

Stefano Cariboni on aprile 23, 2018

10 buone domande da porre in un video colloquio


Sei alle prime esperienze di utilizzo dei video colloqui e ti stai chiedendo quali domande dovresti porre ai tuoi candidati? Oppure sei un recruiter d´esperienza in cerca di nuove idee? In entrambi i casi sei capitato nel posto giusto! Ti proporremo alcune domande piú o meno comuni o abituali, in modo che tu possa provare ad utilizzarle giá  nel tuo prossimo video colloquio.

Queste domande sono abbastanza generiche in modo che si possano adattare alla maggior parte delle posizioni e dei ruoli professionali oggetto delle tue ricerche. Se puoi hai bisogno di altre fonti di ispirazione puoi scaricare il nostro e-book Assess Attitude of the Candidates che esplora in modo piú ampio il tema della scelta delle domande piú appropriate e dei pros&cons di alcune configurazioni di domande.!

1. Utilizzando le informazioni che hai a disposizione, se lavorassi giá con noi, cosa cambieresti nel modo in cui noi in ROSSI S.p.A. facciamo le cose? Fai un almeno esempio concreto.

Questa domanda potrebbe essere posta in modo più specifico per il tipo di posizione per la quale il candidato si sta proponendo. Per esempio, se il candidato si propone per una posizione nel maketing, in che modo cambieresti il nostro modo di fare marketing.

Questo potrá rivelare molto riguardo alle competenze e alla professionalitá del candidato. Porterà anche alla luce il modo in cui il candidato pensa e come si approccia schemi, preconcetti e cambiamenti. Sono domande probabilmente complesse ma utili per setacciare i buoni talenti in fase di pre-screening.

2. Fai un esempio di un momento della tua carriera in cui hai avuto un conflitto o nel quale sei stato in disaccordo con un tuo collega. Come hai risolto questo problema?

Che ci piaccia o meno, i conflitti sono una parte della vita lavorativa della maggior parte delle persone. Non si tratta di come si riesca ad evitare conflitti ma si tratta di come ci si rapporti con essi. Questo rivelerà pure il modo di essere del candidato come collega. Il candidato è forse uno che sta sulla difensiva o che incolpa altri; o si prende le sue responsabilità ed aiuta a risolvere i problemi?

This is not the right way - via GIPHY

3. Se fossi scelto per questa posizione quali sarebbero le prime tre cose che faresti?

Molto simile alla prima domanda, anche questa, dimostrerà sia l’abilità del candidato nel prendere iniziative di qualitá, sia la sua comprensione nella descrizione del tipo di lavoro da svolgere.

4. Se dovessi iniziare una carriera diversa da quella attuale, quale sarebbe e perchè?

Queste tipo di domande potrebbero fornire una migliore conoscenza riguardo le abilità del candidato e il suo modo di pensare. Ci sono soprattutto delle passioni che possono essere utili nel ruolo per cui si sta proponendo? Magari queste abilità ancora non espresse sul lavoro possono rappresentare un grande valore per la tua organizzazione!

5. Preferisci maggiormente, lavorare in gruppo o da solo? Perchè?

Non tutte le persone sono per loro natura giocatori di squadra. Questo non significa necessariamente che sia un aspetto negativo, anche in caso il ruolo richiesto richieda molto lavoro di squadra. Molto del lavoro fatto dalle persone in azienda ha effettivamente natura  individuale.

La chiave è sempre l’equilibrio. Una domanda come questa puó aiutare a pesare l´eventuale contribuzione del candidato al risultato di team anche se, alla fine della giornata, ognuno risponde anche del proprio contributo e risultato individuale.

Some people prefer working alone - via GIPHY

6.Qual’ è il tuo più grande obiettivo personale attuale?( al di fuori del contesto professionale)

Il candidato ha obiettivi nella sua vita? Il lavoro è solo una parte della realizzazione personale. Il tuo candidato sta pensando di correre una maratona? Quali sono i tratti di personalitá tipici di chi si allena per una maratona?. Il candidato come hobby realizza software o circuiti elettronici? Forse potrebbe essere una cosa utile per il suo nuovo ruolo. E non la troviamo certo nel suo CV…. Ognuno ha abilità che non vengono menzionate durante la candidatura per un lavoro, perchè giudicate non proprio così rilevanti.

7. Quale pensi sia la migliore combinazione: un buon risultato puntuale o un risultato perfetto ma in ritardo?

Tu quale preferisci? La maggior parte dei selezionatori preferisce un buon risultato puntuale, soprattutto perchè é comunque buono e lo si puó sempre modificare eventualmente dopo la scadenza. La maggior parte dei datori di lavoro non vuole dipendenti ossessionati dalla perfezione tanto da non curarsi dei risultati. Assicurati che il tuo candidato sia sulla tua stessa linea.

8. É meglio lavorare tanto o in modo intelligente?

Alcuni ruoli richiedono sicuramente di lavorare molto; ma in contesti di lavoro modernamente organizzati, lavorare in modo intelligente è spesso meglio sia per il datore di lavoro che per il dipendente.

Lavorare intelligentemente può significare meno lavoro svolto ma con migliori risultati. I principi economici di base si applicano piuttosto bene a questo concetto: aumentando l'input si otterrà una crescita lineare, mentre aumentare la produttività e l´efficacia porterà a una crescita esponenziale.

9. Descrivi un buon manager

Questo ci dice molto sul candidato. Non tutte le persone preferiscono lo stesso tipo di gestione. Soprattutto in questi tempi, dove lo stile di gestione più rilassato e l´assenza di gerarchia sono di tendenza e ci stiamo gradualmente allontanando dallo stile di gestione industriale, ci possono essere enormi differenze nelle aspettative del candidato e nell'idea che ha di come debba essere un buon manager.

Efficient managing - via GIPHY

Some people are good at taking initiatives, but other people prefer clear instructions and structure. According to the answer you'll figure out if the candidate fits in your organization and culture.

10. Se il candidato sta giá lavorando: Perchè stai pensando di cambiare il tuo lavoro attuale?

Non ci sono abbastanza sfide o possibilità di crescita nella sua attuale azienda? Chiedere questo ti aiuterà molto a chiarire le aspettative di un futuro tuo collega/dipendente; inoltre potrebbero esserci delle cose, alle quali non hai nemmeno pensato, che  possono influenzare la soddisfazione dei tuoi dipendenti.

 

Per trovare i migliori candidati per la tua azienda, assicurati che che la tua strategia di employer branding funzioni perfettamente!

Scarica il nostro Employer Branding Handbook!

 

Scarica un Ebook

Il video come strumento di recruiting

Post Popolari

Iscriviti al nostro blog e rimani aggiornato su recruitment e risorse umane!

Stefano Cariboni

RecRight Country Manager Italy